Come fare per dimagrire la pancia e i fianchi

Come fare per dimagrire la pancia e i fianchi

0 2809

come dimagrire pancia e fianchi

Le parti del corpo dove il grasso in eccesso tende ad accumularsi maggiormente sono la pancia e i fianchi. Anche seguendo una dieta alimentare ipocalorica il percorso per sconfiggere il tessuto adiposo in queste due zone richiede azioni mirate che, molto spesso, necessitano di un’attività fisica mirata e di particolari cibi da eliminare o ridurre al minimo.

Una dieta ipocalorica bilanciata, in abbinamento ad un’attività fisica costante, rappresenta l’unico rimedio possibile nella lotta ai chilogrammi di troppo. Una dieta che si basi esclusivamente su di un effetto brucia grassi di pancia e fianchi non esiste in realtà, il dimagrimento avverrà quindi in modo complessivo su tutto il corpo. Un corretto regime alimentare dovrà quindi prevedere anche un apporto essenziale di tutti i nutrienti come grassi, proteine, carboidrati, fibre, vitamine, sali minerali, di cui l’organismo necessita per restare in salute seppur in presenza di una diminuzione dell’apporto di calorie giornaliero.

 

Dieta alimentare per dimagrire pancia e fianchi

Una delle diete alimentari più indicate per contrastare i cuscinetti adiposi su pancia e fianchi prevedono un consumo di carboidrati al mattino, intesi come carboidrati, mentre lungo la giornata potranno essere assunte proteine e verdure. Un corretto regime alimentare sarà in grado di mantenere la massa magra attiva, senza perdite di tono, contrastando la stanchezza e la spossatezza tipiche delle diete restrittive.

Il pasto della colazione dovrà avvenire preferibilmente verso le ore 09:00 e potrà essere rappresentato da due fette biscottate integrali o pane preferibilmente integrale, in accompagnamento a latte parzialmente scremato, oppure tè, cercando di abbinare ai carboidrati anche un quantitativo di proteine al fine di tamponare l’assorbimento degli zuccheri.

Tra gli esempi di colazione si trovano: caffè espresso senza zucchero, un frutto di stagione, 15 g di proteine solubili in acqua; oppure caffè, 200 ml di latte, 30 g di formaggio magro e 30 g di affettato magro a scelta con una fetta di pane integrale. Per lo spuntino mattutino si potrà optare tra: uno yogurt magro, qualche fetta di bresaola o fesa di tacchino in abbinamento a verdura cruda.

Il pranzo potrà invece prevedere: insalata mista con pomodori, due albumi in frittata e una macedonia di frutta fresca senza zucchero, oppure radicchio rosso e pomodori, tagliata di manzo con rucola, in alternativa trancio di tonno.

Lo spuntino pomeridiano potrà essere integrato da una spremuta di agrumi fresca e senza zucchero, oppure da un frullato di frutta di stagione.

L’ultimo pasto della giornata dovrà rappresentare il più leggero di tutti in vista delle ore di sonno al fine di non appesantire troppo lo stomaco, prevedendo: orata al cartoccio, contorno di spinaci saltati in padella, oppure un piatto di affettati magri e verdura grigliata mista, in alternativa carne o pesci magri.

Al regime alimentare andranno inoltre abbinati esercizi mirati, reperibili su diversi tutorial online, ricordandosi di introdurre un apporto di liquidi sufficiente inteso come 1,5/2 litri di acqua al giorno, in alternativa anche tisane, infusi e spremute senza zucchero. Come sempre consigliamo di fare sarebbe opportuno rivolgersi ad un medico nutrizionista qualificato prima di intraprendere un percorso ipocalorico autonomo.

Nessun Commento

Leave a Reply