Come pulire una stufa a pellets

Come pulire una stufa a pellets

0 2367

L’inverno si sta avviando al termine ma quando parliamo delle pulizie di primavera non è sufficiente spolverare casa.

Una gran parte delle famiglie italiane, infatti, durante l’inverno si scalda con il pellet e, per non rischiare di causare rotture ed incidenti alla propria stufa a pellet, è necessario effettuare una piccola manutenzione al termine di ogni inverno.
Questo tipo di manutenzione consiste per lo più in una pulizia dei componenti più importanti. In questo articolo vedremo, con la collaborazione del portale pelletoutlet.it, come effettuare una buona manutenzione della propria stufa a pellet.

Pulizia di una stufa: da dove iniziare

Come abbiamo accennato, mediamente una volta l’anno va effettuata la manutenzione tecnica della stufa a pellet, compagna fedele dei giorni più freddi. Quando parliamo di stufe a pellet, trattandosi di un elettrodomestici collegati alla rete elettrica di casa, vi suggeriamo di staccare la spina prima di cominciare.

Se non volete rivolgervi ad un tecnico del settore, dovrete come prima cosa svuotandola e pulendo il serbatoio con l’aiuto di un aspirapolvere, poi rimuovete con scovolini o aspiratore a punta la polvere da ogni anfratto. Smontate anche il motore e pulitelo in ogni componente elettrica, meccanica ed anche nei sensori. In questa fase, è importante fare attenzione a maneggiare le componenti più delicate, avendo cura di non danneggiarle o rischiare di romperle ed utilizzare la massima cautela.

Come mantenere pulita la vostra stufa a pellet quotidianamente

Per una sommaria ma necessaria pulizia quotidiana della stufa a pellet vi suggeriamo di utilizzare un panno leggermente umido eventualmente coadiuvato da uno sgrassatore per la limpidezza del vetro frontale.

Una pulizia delle componenti bruciate è comunque consigliabile all’incirca una volta a settimana, tramite la rimozione del braciere e dello schienale in ghisa, che vanno grattati con una spazzola rigida al fine di rimuovere meglio la polvere. Vi ricordiamo che è meglio aspirare meccanicamente anche la trama del filtro della stufa a pellet e lavarlo sotto l’acqua corrente fredda, dunque riposizionarlo dopo averlo asciugato accuratamente.

Non solo stufe a pellet: la pulizia della canna fumaria

In caso disponiate di una canna fumaria in muratura collegata alla vostra stufa a pellet, la migliore tecnica di pulizia è quella tradizionale, con lo spazzolone da spazzacamini, che vi aiuterà a raschiare bene il tubo di scappamento dall’interno. Per la raccolta delle polveri bruciate in questo caso è meglio dotarsi di un bidone aspira cenere; quando aspirate le ceneri di una stufa a pellet vi sconsigliamo l’aspirapolvere tradizionale, a causa della troppa sottigliezza delle componenti volatili del pellet, che tenderebbero a rimanere incastrate procurando danni al vostro elettrodomestico. Se, invece, la vostra canna fumaria è di alluminio, quindi smontabile, vi suggeriamo di staccarla e lavarla con acqua fredda corrente raschiandola bene con lo spazzolone.

Nessun Commento

Leave a Reply