Come richiedere un prestito cambializzato

Come richiedere un prestito cambializzato

0 2280

I prestiti personali che si possono richiedere si suddividono in molteplici tipologie: tra questi troviamo anche i cosiddetti prestiti cambializzati.

Ma di cosa si tratta? Il prestito cambializzato è un prestito che non prevede la presenza della busta paga ed è una forma di finanziamento attraverso cui possono essere erogate cifre di denaro mediante la sottoscrizione di cambiali a scadenza. In realtà questo tipo di prestito è stato surclassato dai nuovi prodotti finanziari bancari, tuttavia negli ultimi anni si sta di nuovo facendo ricorso ad essi, a causa del periodo di crisi economica che stiamo attraversando.

I prestiti cambializzati, infatti, come anticipato, non prevedono garanzie di tipo immobile o basate sulla busta paga e sono rivolti anche a coloro che sono stati segnalati al Crif come cattivi pagatori: infatti con questo tipo di prestito gli istituti di credito possono andare incontro alle esigenze anche di chi è protestato. Il motivo per cui questi crediti sono così flessibili è legato al fatto che le cambiali rappresentano una forma di garanzia e dunque non vi è rischio effettivo.

In seguito alla richiesta di un finanziamento cambializzato è possibile ottenere una risposta tra le 24 o le 48 ore: viene erogato un pacchetto di cambiali con scadenza progressiva, i quali vanno a sostituire le normali rate di rimborso mensili.

Grazie a questa forma di finanziamento sia il cliente che non ha i requisiti che la banca sono tutelati, in quanto il primo ottiene una somma, la seconda, in caso di mancato pagamento,  può procedere tramite atto esecutivo in modo rapido.

Come richiedere un prestito cambializzato

La procedura per accedere a questo tipo di prestito è più rapida di altre tipologie di prestito personale: basta presentare la richiesta ad una banca (anche online). Via web si può spendere di meno, poichè molti istituti di credito hanno istituito pratiche per prestiti cambializzati con soluzioni più economiche grazie all’abbattimento del costo del servizio offerto allo sportello. Il tasso di interesse è fisso e nel rimborso sono comprese tutte le spese inerenti alle imposte di bollo e alle commissioni.

Naturalmente questa tipologia di finanziamento può avere vantaggi e svantaggi: se da un lato gli eventuali trascorsi negativi del cliente non vengono considerati tra i requisiti di accesso al credito, dall’altro è necessario che il richiedente sottoscriva  una stipula completa sull’assicurazione vita, che costituisce un’ulteriore garanzia in caso di incidente, oltre alla richiesta da parte della banca di un garante.

Inoltre il prestito cambializzato va rimborsato senza saltare nessuna scadenza: l’eventuale inadempienza al rimborso di una o più cambiali fa sì che  venga posto in essere un atto esecutivo presso un giudice, con ulteriore aggravio di spese. In seguito non sarà più possibile estinguere il prestito ricevuto con dilazioni.

Prestiti cambializzati: novità del 2016

L’anno 2016 propone alcune novità per chi intende richiedere un prestito di questo tipo: le banche e le finanziarie hanno programmato soluzioni per prestiti fino a 60000 euro, anche per la forma cambializzata. I prestiti cambializzati, però, mantengono una durata che va da un minimo di un anno a un massimo di dieci anni, con pagamenti mensili a tasso fisso.

Fonte: affarimiei.biz

Nessun Commento

Leave a Reply