Come Prendersi Cura di una Mantide Religiosa

Come Prendersi Cura di una Mantide Religiosa

0 2410

Vi siete mai ritrovati faccia a faccia con una mantide religiosa? Spero vivamente di no, poiché secondo le credenze popolari se la mantide vi ha guardato, da quel momento in poi la vostra fortuna prenderà un’altra strada.

Credenze popolari a parte, scopriamo qualcosa di più di questo affascinante animale!

Mantis religiosa

L’origine di questo insetto è fatto risalire all’Africa, e solo successivamente si diffusero nell’Europa meridionale e nell’Asia minore. A quanto pare in America fu portata accidentalmente per un carico di piante da vivaio.
Il nome dell’insetto dal dubbioso aspetto, viene dalla parola greca Mantis, ovvero profeta; a quanto pare la posizione delle sue zampe anteriori raccolte alla posizione dell’uomo che prega, farebbero pensare ad una sua funzione profetica nel momento in cui compare ad un uomo o ad un altro animale.
Le zampe anteriori sono velocissime; la mantide  le utilizza per afferrare le sue prede, tenerle strette e divorare velocemente.
La Mantis religiosa femmina è pericolosissima per il maschio, durante l’accoppiamento usa divorarlo ed ucciderlo.
Solo alcuni tipi di Mantis maschio hanno la capacità di volare, generalmente questo insetto non ha questa dote naturale.

Riassumiamo le caratteristiche della Mantide Religiosa:

  1. Cresce facendo la muta, ovvero cambia la pelle e ad ogni muta aumenta di circa 20-30%. La muta nei soggetti giovani avviene dopo dopo 10 – 20 giorni, diminuendo sempre di più con l’età. Con l’avanzare dell’età della mantide la muta non avviene più per mantenere lo stesso aspetto fino alla morte.
  2. La Mantide non sopravvive più di un anno.
  3. La si trova principalmente nei prati.
  4. Si nutre principalmente di altri insetti, che in alcuni casi possono superare la metà del loro stesso volume; man mano che diventa adulta tende a nutrirsi sempre di meno, ovvero non più di 2 o 3 volte a settimana.
  5. E’ un insetto in grado di mimetizzarsi con l’ambiente in cui si trova molto bene.
  6. E’ uno dei pochi animali in grado di rivolgere lo sguardo verso il soggetto interessato, sceglie cosa guardare. Anticamente se si era protagonisti di grandi sfortune, si affermava che “La Mantide ti aveva guardata”. 

Mantide religiosa pericolosa per l’uomo

Molte persone, nel momento in cui si trovano di fronte la mantide religiosa cominciano ad urlare e a spaventarsi. State sereni la Mantide non attacca l’uomo, non ne ha desiderio è necessità, ma soprattutto non è velenosa.
Generalmente il periodo di nascite della mantide religiosa è fatto risalire nel mese di Maggio, per poi morire tra ottobre e novembre, quindi anche se scoprite di averla nel vostro giardino state tranquilli, la sua vita non sarà lunghissima.

Mantide religiosa accoppiamento: tende a divorare il maschio

La caratteristica della Mantide Religiosa, principalmente riferita alla femmina della specie, riguarda la fase dell’accoppiamento.
A quanto pare la specie femmina della Mantis al momento del raggiungimento dell’orgasmo tenderebbe a staccare la testa al compagno maschio.
Il povero maschio di Mantis ha vita molto, molto breve se cade innamorato.

Ma perché la Mantis femmina uccide il maschio?

Secondo alcuni naturalisti, l’insetto tende ad uccidere per facilitare l’esecuzione dei suoi movimenti che tendono a perdurare per un tempo più lungo rispetto al normale.
L’accoppiamento dura quasi due ora, e nonostante il maschio venga decapitato riesce comunque a portare a termine il suo compito, grazie ad un sistema nervoso davvero eccellente.
Inoltre a quanto sembra l’esigenza di “mangiare” il proprio compagno durante l’accoppiamento favorirebbe all’accumulo di proteine necessaria ad una rapida produzione delle uova.
Molti sociologi e psicologi hanno riportato il fenomeno dell’accoppiamento killer della Mantis religiosa nel mondo umano, paragonandolo ad una necessità di dominare il partner e sottometterlo completamente.

Evitate di uccidere la mantide religiosa, potrebbe esservi molto utile se la vostra casa è infestata di mosche, grilli ed altri piccoli insetti: sono il pasto preferito della Mantis.

Nessun Commento

Leave a Reply