Masturbarsi fa dimagrire: la dieta giapponese o il sesso di coppia?

Masturbarsi fa dimagrire: la dieta giapponese o il sesso di coppia?

0 5963

Se oggi possiamo tranquillamente dire che masturbarsi fa dimagrire senza farci prendere per pazzi o maniaci, lo dobbiamo ad una scoperta di tre anni fa: una vera e propria scoperta scientifica proveniente dal Giappone che, non appena è diventata ufficiale, ha fatto il giro del mondo col termine di ‘dieta della masturbazione’.

Il medico giapponese in questione che ha scoperto la dieta della masturbazione è un certo Hideo Yamanaka, direttore della Toranomon-Hibiya Clinic.

Secondo quanto il medico ha riferito in un’intervista su Weekly Playboy (e ci dispiace per le donne), la dieta da lui inventata sarebbe efficace solo per gli uomini stanchi di fare ‘solo’ sport per perdere peso tanto che, come ha sottolineato Yamanaka, è nota anche come ‘onani-bics’ riferendosi all’onanismo (bic significa attività fisica).

Onan, secondo figlio di Giuda, nella narrazione biblica è stato punito da Dio per aver praticato il metodo anticoncezionale del coito interrotto per evitare di concepire un figlio.

Questa figura biblica non voleva procreare e voi state pensando alla prova costume

Come funziona la dieta della masturbazione

Il meccanismo funzionerebbe così: l’eiaculazione maschile attiva il metabolismo alla base dei muscoli e lo intensifica durante l’atto autoerotico col risultato che il grasso sottocutaneo si riduce.

In sostanza, il metabolismo così attivato porterebbe a contrastare i chili di troppo, come quando bruciamo calorie grazie ad una dieta ipocalorica.

Masturbarsi fa dimagrire se si fa 3 volte al giorno, dice il saggio Hideo Yamanaka: affinché la dieta della masturbazione dia risultati concreti facendo perdere peso, è necessario che la dieta in questione venga seguita scrupolosamente e per periodi lunghi. Tradotto in cifre bisogna ricorrere all’onanismo almeno 100 volte al mese, considerate quindi 3 volte al giorno.

Seppure volessimo considerare una media di una volta al giorno, si perderebbero almeno 3000 calorie al mese, il che significherebbe mezzo chilo in meno di peso.

masturbarsi fà dimagrire

Accelerare i tempi: le alternative delle masturbazione

La ricetta del medico prevede una ‘cottura’ dell’atto dietetico di almeno 15 minuti e raccomanda di evitare assolutamente l’eiaculazione precoce. Tutto questo per mettere in atto il livello di sforzo necessario alla perdita di peso.

E’ possibile praticare la masturbazione, secondo quanto spiega il medico giapponese, associandola a diversi esercizi fisici come l’onanismo squat che fa bruciare 89 Kcal oppure la corsa Ona-hole che fa consumare 204 Kcal o ancora la corsa sul tapis roulant mentre ci si masturba.

Eccovi spiegato in che modo e perché masturbarsi fa dimagrire. Alla faccia del fitness o della passeggiata quotidiana…

Per provare se questa teoria della ‘dieta della masturbazione’ sia fondata oppure no, c’è solo una cosa da fare senza scomodare i luminari della scienza: provare direttamente.

Chissà se la vostra partner vi aiuterà a farvi cambiare idea, magari dimostrandovi che il sesso fa dimagrire meglio se si è in due a farlo… sempre restando nella media delle 3 volte al giorno per almeno 15 minuti…  Ok, a parte gli scherzi, è stato dimostrato che trenta minuti di sesso fanno bruciare 85 calorie. Insomma, non ci vuole un esperto per capire che fare l’amore con intensità e passione è come fare ginnastica.

Attività fisica a parte, in qualunque modo vorrete farla, non dimenticate di seguire una dieta sana a tavola.

Nessun Commento

Leave a Reply